La strada del vino e dell’olio, quel tratto di costa toscana che va da Bibbona fino alla Val di Cornia, comprendendo anche l’Isola d’Elba, è famosa per le sue bellezze naturalistiche, paesaggistiche e non solo.

Questa è la terra in cui vini come il Sassicaia, uno tra i migliori al mondo, nasce e cresce. Il consorzio della Strada del Vino e dell’olio è composto da cinque aree: Terratico di Bibbona, Montescudaio, Bolgheri, Val di Cornia e Isola d’Elba.

In questo articolo vi proponiamo un possibile itinerario da farsi in due-tre giorni durante i quali assaggiare, conoscere e godere appieno dei prodotti tipici di questa costa di Toscana. 

Il territorio composto da colline, borghi medievali, ovviamente il mare ed i boschi, offre scorci e panorami quanto mai suggestivi.

Costa toscana, le strade del vino

Le strade del vino, Toscana

– Partite da Rosignano Marittimo e dirigetevi in direzione di Cecina. La via che passa dalle colline è lunga circa 40 chilometri: fermatevi ad ammirare il borgo di Riparbella, piccolo paesino collinare nel cuore della Toscana. Riparbella offre un territorio composto da bosco, uliveti, vigneti e, all’orizzonte, la vista si perde sul mare con una spettacolare veduta sulle isole d’Elba e Capraia. 

– Arrivati in quel di Cecina, percorrete la strada dei comuni di Montescudaio, Guardistallo e Casale Marittimo. I tre pittoreschi borghi sorgono tra le colline volterrane e la Val di Cecina, fermatevi anche solo per poche ore e percorretene le stradine in cui il tempo sembra essersi fermato. 

– Da Casale, percorrendo circa tre chilometri di strada, percorrete la Via Bolgherese. Siete a due passi dal famoso viale di cipressi cantato dal poeta Carducci: queste sono le terre che accolgono i vitigni dell’Ornella e del Sassicaia, vini pregiati e famosi in tutto il mondo per le loro caratteristiche. 

– Concedetevi qualche ora di relax per visitare l’antico borgo medievale di Bolgheri – la foto ai lunghi filari di cipressi è d’obbligo – e dopo una pausa merenda con degustazione di vini e formaggi doc toscani, ripartite in direzione di Castagneto Carducci.

– Arriverete a Sassetta e, successivamente a Suvereto: questa strada è bellissima anche da percorrere in bicicletta. Oltrepassate Sassetta e iniziate quindi la discesa verso la Val di Cornia. Ecco che, dopo pochi chilometri, vi troverete nel piccolo borgo di Suvereto.

– 9 chilometri separano Suvereto da Campiglia Marittima. Visitate Campiglia, ne vale davvero la pena. Il borgo medievale si fonde con la natura e il relax. Percorrendo la strada in discesa, verso San Vincenzo, potrete notare il parco archeominerario di San Silvestro, le terme ed il laghetto con sorgente ad acqua calda e gli scorci mozzafiato sul mar Tirreno.

– L’ultima tappa costeggia il golfo di Baratti e si conclude a San Vincenzo. Percorrete tutta la strada della Principessa  costeggiando quindi il Parco di Rimigliano: spiagge, macchia mediterranea e pineta a perdita d’occhio.  

Queste sono le strade del vino e dell’olio della Costa Toscana, paesaggi da godersi in pochi giorni o, per chi non ha molto tempo a disposizione, da farsi anche in un’unica giornata, magari saltando qualche tappa dall’itinerario proposto. Da Camping village Park Albatros potete alternare un giorno al mare o in piscina, e un giorno alla scoperta di questi posti meravigliosi. Il Park Albatros è senza dubbio il punto di partenza ideale per visitare i bellissimi borghi, i vitigni e le campagne di questo pezzo di Toscana.

Buon viaggio, travellers!